22/12/2013

di , 22 Dicembre 2013 00:05

22/12/2013: Avere una piena comunione tra noi.
(Have full communion among us)

Buona domenica.

[...] Per intraprendere con frutto a vivere una spiritualità di riconciliazione occorre, nell’oggi del mondo e della Chiesa, che noi possiamo, con piena convinzione e nella verità,
ripetere come nostre le parole dell’evangelista Giovanni: «… noi crediamo all’amore».
Ma Egli non ci ama solo come singoli cristiani, ci ama pure come Chiesa. E ama la Chiesa per quanto si è comportata nella storia secondo il disegno che Dio aveva su di essa.
Ma anche – e qui è la meraviglia della misericordia di Dio – la ama per quanto non vi ha corrisposto, essendosi i cristiani divisi, se però ora essi ricercano la piena comunione nella divina volontà.[...]
[...] Una spiritualità ecumenica così vissuta, potrà produrre frutti eccezionali.
Ma, lo si intuisce, avrà soprattutto un particolare effetto: perché comunitaria, legherà in uno tutti coloro che la vivono, sicché si sentiranno solidali fra loro e, in un certo modo, già uno.
Avvertiranno di formare, per così dire, un solo popolo cristiano che potrà essere – con tutto ciò a cui conducono le altre forze suscitate dallo Spirito in questo tempo ecumenico – un lievito per la piena comunione tra le Chiese.[...]
(Fonte: Chiara Lubich – Una spiritualità per la riconciliazione – Gen’s – http://www.indaco-torino.net/gens/97_06_03.htm)

Un commento a “22/12/2013”

Lascia un commento

Codice di sicurezza:

Panorama Theme by Themocracy