20/04/2018

di , 20 Aprile 2018 00:00

20/04/2018: Dare fiducia a chi ci sta vicino.
Buona giornata.
Amare è credere nell’altro e dargli fiducia, credere nelle sue forze nascoste, nella vita che ha in sé;
e quali che siano le pietre da tagliare per appianare la strada, è decidere da uomo ragionevole di avviarsi coraggiosamente per il viaggio del tempo.

(Fonte: Michel Quoist, Parlami d’amore, Sei, Torino 1987, pp. 104-107)

19/04/2018

di , 19 Aprile 2018 00:00

19/04/2018: Sostenere gli indifesi.
Buona giornata.
Oggi il “grido di Rachele che piange i suoi figli perché non sono più” è “la voce delle migliaia di persone che piangono in fuga da guerre orribili, da persecuzioni e violazioni dei diritti umani, o da instabilità politica o sociale, che rendono spesso impossibile la vita in patria. È il grido di quanti sono costretti a fuggire per evitare le barbarie indicibili praticate verso persone indifese, come i bambini e i disabili, o il martirio per la sola appartenenza religiosa”.
(Fonte: Papa Francesco: “Accoglienza vacilla, proteggere anche chi fugge dalla miseria” – 11 GENNAIO 2016 – http://www.stranieriinitalia.it/attualita/attualita/attualita-sp-754/papa-francesco-accoglienza-vacilla-proteggere-anche-chi-fugge-dalla-miseria.html)

18/04/2018

di , 18 Aprile 2018 00:00

18/04/2018: Prendersi cura del prossimo.
Buona giornata.
[...] Spiritualità della comunione significa (…) capacità di sentire il fratello (…) come ‘uno che mi appartiene’, per saper condividere le sue gioie e le sue sofferenze, per intuire (…) e prendersi cura dei suoi bisogni (…).
Spiritualità della comunione è pure capacità di vedere innanzitutto ciò che di positivo c’è nell’altro, per accoglierlo (…) come dono di Dio: un “dono per me” (…)

(Fonte: Gen’s 1-2013 – Ciò di cui il mondo ha bisogno)

17/04/2018

di , 17 Aprile 2018 00:00

17/04/2018: Camminare sicuri superando gli ostacoli.
Buona giornata.
[...] Si tratta di apprendere a ragionare in politica tenendo conto che la comunità fondamentale è l’umanità, e abbandonare così, come chiave di lettura e di progettazione politica, la stretta visuale del proprio angolo di mondo, per riconoscere e assumere nelle sue conseguenze concrete che il progetto di vita dell’altro ha a che fare con il mio, che la sua aspettativa di vita è la mia, che gli ostacoli che frenano il suo sviluppo e quello del suo popolo sono gli ostacoli che frenano lo sviluppo mio e del mio popolo.[...]
(Fonte: Lucia Fronza Crepaz “La fraternità universale come categoria politica dell’oggi”)

16/04/2018

di , 16 Aprile 2018 00:00

16/04/2018: Procedere insieme senza timori.
Buona settimana.
[...] Anche noi dobbiamo camminare sempre avanti, con coraggio. E per camminare, lo sappiamo, abbiamo la Parola di Vita,[...]. È questa una Parola che noi dobbiamo amare in maniera del tutto particolare. Essa infatti ci ricorda il metodo di chi segue la via dell’unità per arrivare all’“ut omnes”.[...]
(Fonte: Chiara Lubich – Melbourne 2 febbraio 1982 http://www.centrochiaralubich.org/it/documenti/audio/1094-sempre-avanti.html)

15/04/2018

di , 15 Aprile 2018 00:00

15/04/2018: Perdonare le offese ricevute.
Buona domenica.
[...] Spesso le famiglie si sfasciano perché non ci si sa perdonare. Odi antichi mantengono la divisione tra parenti, tra gruppi sociali, tra popoli. A volte c’è addirittura chi insegna a non dimenticare i torti subiti, a coltivare sentimenti di vendetta… Ed un rancore sordo avvelena l’anima e corrode il cuore.[...]
[...] L’amore reciproco domanda quasi un patto fra noi: essere sempre pronti a perdonarci l’un altro. Solo così potremo contribuire a creare la fraternità universale.[...]

(Fonte: Chiara Lubich – http://www.focolare.org/it/news/2002/09/01/settembre-2006/)

14/04/2018

di , 14 Aprile 2018 00:00

14/04/2018: Avere misericordia gli uni degli altri.
Buon fine settimana.
[...] Non mantenere nel cuore residui di giudizi, di risentimenti, dove possono covare l’ira e l’odio che ci allontanano dai fratelli.
Veder ognuno come se fosse nuovo.
Avendo in cuore, al posto del giudizio e della condanna, l’amore e la misericordia verso ciascuno,
lo aiuteremo ad iniziare una vita nuova, gli daremo coraggio ogni volta per ricominciare.[...]

(Fonte: Chiara Lubich – Commento alla Parola di vita pubblicata in Città Nuova, 1998/4, pp.34-35 – ‘Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei.’)

13/04/2018

di , 13 Aprile 2018 00:00

13/04/2018: Se siamo uniti Dio è fra noi.
Buona giornata.
Se siamo uniti, Gesù è fra noi. E questo vale. Vale più d’ogni altro tesoro che può possedere il nostro cuore: più della madre, del padre, dei fratelli, dei figli. Vale più della casa, del lavoro, della proprietà; più delle opere d’arte d’una grande città come Roma, più degli affari nostri, più della natura che ci circonda con i fiori ed i prati, il mare e le stelle: più della nostra anima! È lui che, ispirando i suoi santi con le sue eterne verità, fece epoca in ogni epoca. Anche questa è l’ora sua: non tanto d’un santo, ma di lui; di lui fra noi, di lui vivente in noi, edificanti – in unità d’amore – il Corpo Mistico suo. Ma occorre dilatare il Cristo; accrescerlo in altre membra; farsi come lui portatori di Fuoco. Far uno di tutti ed in tutti l’Uno! Ed allora viviamo la vita che egli ci dà attimo per attimo nella carità. È comandamento base l’amore fraterno. Per cui tutto vale ciò che è espressione di sincera fraterna carità. Nulla vale di ciò che facciamo se in esso non vi è il sentimento d’amore per i fratelli: ché Iddio è Padre ed ha nel cuore sempre e solo i figli.
(Fonte: Chiara Lubich – Se siamo uniti, Gesù è fra noi – http://www.cittanuova.it/public/index.php?page=c&id=592)

12/04/2018

di , 12 Aprile 2018 00:00

12/04/2018: Essere attenti alle necessità degli altri.
Buona giornata.
[...] Dilatare l’amore.
Se poi volessimo dare uno sguardo, sia pur sommario, allo sviluppo della capacità di amare,potremmo vedere come il cammino parta da un amore inizialmente centrato su di sé e si incammini verso un amore sempre più disinteressato e rivolto all’altro.
È questa una crescita progressiva, con le sue tappe concrete: ad esempio, da una fase di narcisismo iniziale,in cui la persona ama l’altro in quanto questi va a colmare un suo bisogno,si passa a voler bene cercando di soddisfare non i propri ma i bisogni dell’altra persona.Così da una fase di sfruttamento affettivo (“l’altro serve a me”),si passa alla consapevolezza di aver bisogno dell’altro (“tu sei importante per me”), cosa che rende più umili e attenti alle necessità altrui.[...]

(Fonte: Unità e Carismi – Alessandro Partini – Un amore integrale nella vita consacrata – 07-06-2010 – Ed. Città Nuova)

11/04/2018

di , 11 Aprile 2018 00:00

11/04/2018: Ricominciare sempre ad amare.
Buona giornata.
[...] Ci vuole tempo e costanza per giungere alla meta, senza arrendersi davanti alle difficoltà, senza mai lasciarci scoraggiare dai fallimenti e dagli sbagli, pronti sempre a ricominciare, senza rassegnarsi alla mediocrità.
Agostino d’Ippona, forse pensando al suo sofferto cammino, scriveva in proposito: «Ti riesca sempre sgradito ciò che sei, se vuoi giungere a ciò che non sei ancora. Infatti là dove ti senti bene, ti fermi; e dici addirittura: “Basta così”, e così sprofondi. Aggiungi continuamente, cammina sempre, procedi in avanti di continuo: non fermarti lungo il cammino, non voltarti, non deviare. Resta indietro chi non avanza».

(Fonte: www.focolare.org – parola di vita agosto 2015)

Panorama Theme by Themocracy