19 Dic 2014

19/12/2014

Filed under Argomenti vari

19/12/2014: Facciamo di tutto per aiutare l’indigente.
Buona giornata.

Quando un povero veniva a casa nostra, sceglievamo la tovaglia più bella, i piatti e le posate migliori. Per la strada ognuna aveva un bloc-notes ed era un sussulto al cuore quando incontrava un povero. Lo avvicinava con grande amore, gli chiedeva il nome e l’indirizzo per poterlo servire sempre, anche in seguito. Sì, perché per noi, se il problema era senz’altro quello di aiutare i singoli poveri, il tutto era partito con un programma ben preciso: volevamo concorrere a risolvere il problema sociale della nostra città. E Dio non ci faceva vedere altro, niente più in là, quasi che, compiuto questo, tutto fosse fatto.[...]
(Fonte: Chiara Lubich – Erano tempi di guerra)

No responses yet

18 Dic 2014

18/12/2014

Filed under Argomenti vari

18/12/2014: “Date e vi sarà dato” (Lc 6,38).
Buona giornata.

[...]Dare in prestito una matita;
dare un aiuto in cucina alla mamma;
insegnare un gioco a chi non lo conosce;
dare un ascolto a chi vuole essere ascoltato;
dare una risposta gentile;
dare una parte della merenda;
dare il “buon giorno” con amore;
dare perdono;
dare un sorriso;
dare un aiuto ai poveri;
dare compagnia;
dare un regalo;
dare una mano;
dare una gioia;
dare una bella notizia.[...]
(Fonte: http://www.focolare.org/it/news/2005/03/01/la-nostra-gara-del-dare-2/)

No responses yet

17 Dic 2014

17/12/2014

Filed under Argomenti vari

17/12/2014: Credere che siamo tutti fratelli.
Buona giornata.

(…) Anche a voi è noto come nel mondo non regni la giustizia, come vi siano Paesi ricchi e Paesi poveri, affamati, mentre il piano di Dio sull’umanità sarebbe quello d’essere tutti fratelli, in una sola grande famiglia con un solo Padre. E’ questo squilibrio uno dei fattori, forse più determinante, che genera risentimento, ostilità, vendetta, terrorismo. E allora come creare maggiore uguaglianza? Come suscitare una certa comunione di beni? E’ ovvio che i beni non si muovono da sé se non si muovono i cuori.
Occorre, quindi, diffondere l’amore, quell’amore reciproco che genera la fratellanza; occorre invadere il mondo con l’amore! cominciando da noi stessi, così da voi, ragazzi.
(Fonte: Centro Chiara Lubich – Ai ragazzi riuniti al Colosseo – Roma – 26 Maggio 2002)

No responses yet

16 Dic 2014

16/12/2014

Filed under Argomenti vari

16/12/2014: Prevenire le necessità dell’altro.
Buona giornata.

[...] Come in un caminetto acceso, occorre di tanto in tanto scuotere la brace,
perché la cenere non la copra, così è necessario, di tempo in tempo,
ravvivare di proposito l’amore reciproco fra noi,
ravvivare i rapporti, perché non siano ricoperti dalla cenere dell’indifferenza, dell’apatia, dell’egoismo.
(Fonte: Chiara Lubich – L’Arte di amare)

No responses yet

15 Dic 2014

15/12/2014

Filed under Argomenti vari

15/12/2014: Mettere a disposizione il nostro tempo.
Buona giornata.

 

[...] Confrontando l’esperienza EdC, presso la Facoltà di economia aziendale di Nantes, con quella delle altre espressioni della economia civile, Anouk Grevin ha concluso che la specificità di EdC sta proprio nella “comunione”, esercitata sotto i vari aspetti della vita aziendale. Una conclusione confermata dalle esperienze di comunione non solo in azienda, ma anche fra aziende: imprenditori piccoli e grandi scoprono che possono mettere a disposizione tempo, idee, talento, capacità, disponibilità per viaggiare; altri che vanno in pensione ne vedono una bellissima opportunità per donarsi ancora di più; giovani appena laureati, oltre a crearsi le proprie imprese, vogliono mettere in comune quanto hanno imparato.(Fonte: http://www.edc-online.org/it/pubblicazioni/notiziario-edc/671-n-39/9091-imprenditori-il-talento-della-comunione.html)

No responses yet

14 Dic 2014

14/12/2014

Filed under Argomenti vari

14/12/2014: Aiutare concretamente chi è nel bisogno.
Buona domenica.

[...] Quest’amore, poi, non è fatto solo di parole o di sentimenti, è concreto. Esige che ci si faccia uno con gli altri, che ‘si viva’ in certo modo ‘l’altro’ nelle sue sofferenze, nelle sue gioie, per capirlo, per poterlo servire e aiutare concretamente, efficacemente. Si tratta di piangere con chi piange e rallegrarsi con chi è nella gioia. Farsi uno… in modo da poter stabilire con tutti un vero, fraterno dialogo”.[...]
(Fonte: http://unitaecarismi.cittanuova.it/contenuto.php?idContenuto=420061&TipoContenuto=articolo)

1 commento

13 Dic 2014

13/12/2014

Filed under Argomenti vari

13/12/2014: Testimoniare che Dio è amore.
Buon fine settimana.

[...]“Ai cristiani di tutte le comunità del mondo desidero chiedere specialmente una testimonianza di comunione fraterna che diventi attraente e luminosa”.
(Fonte: Evangelii Gaudium – Papa Francesco)

1 commento

12 Dic 2014

12/12/2014

Filed under Argomenti vari

12/12/2014: Vivere con radicalità e autenticità la nostra fede.
Buona giornata.

[...] C’è in questo patto un forte richiamo alla radicalità dell’amore evangelico. La carità – come la intende Gesù – non è solo «una prontezza a dar la vita. È dar la vita (…). Ogni cristiano, solo se muore sempre a se stesso per gli altri, ha la carità». Se muore spiritualmente, rinnegando se stesso per “vivere gli altri”. O anche fisicamente, se occorre.[...]
(Fonte: Marco Tecilla- Citazione di Chiara e varie su: http://www.indaco-torino.net/gens/34_04_03.htm)

No responses yet

11 Dic 2014

11/12/2014

Filed under Argomenti vari

11/12/2014: Abbiamo sempre qualcosa da donare.
Buona giornata.

No responses yet

10 Dic 2014

10/12/2014

Filed under Argomenti vari

10/12/2014: “Ciò che è superfluo appartiene ai poveri” (S. Agostino).
Buona giornata.

[...] Ricordo gli inizi del Movimento dei Focolari, allorché il nuovo carisma ci infondeva in cuore un
amore tutto particolare per i poveri. Quando li incontravamo per strada prendevamo nota del loro
indirizzo su un bloc notes per poi andare a trovarli e soccorrerli; erano Gesù: “L’avete fatto a me.”
Dopo averli visitati nei loro tuguri, li si invitava a pranzo nelle nostre case. Per loro erano la più
bella tovaglia, le posate migliori, il cibo più scelto. Al nostro tavolo, nel primo focolare, sedevano
a mensa una focolarina e un povero, una focolarina e un povero…[...]
(Fonte: Chiara Lubich – Commento alla Parola di Vita: «Chi ha due tuniche, ne dia una a chi non ne ha; e chi ha da mangiare, faccia altrettanto» (Lc 3,11).)

No responses yet

Articoli precedenti »